LA ROTTAMAZIONE TER DELLE CARTELLE

29. ottobre 2018 Fisco, Ultime 0

ROTTAMAZIONE TER

La rottamazione ter delle cartelle Equitalia è presente all’interno dell’articolo 3 del decreto n. 119/2018, che introduce l’ampio progetto della pace fiscale.

Come nelle precedenti edizioni vi sarà la possibilità di versare solo le somme dovute a titolo di imposta eliminando sanzioni ed interessi. Vi sarà, inoltre, la possibilità di dilazionare il pagamento in 20 rate trimestrali (cioè in 5 anni).

L’accesso alla nuova rottamazione è reso possibile anche ai contribuenti morosi delle due precedenti edizioni. I decaduti dalla rottamazione bis a causa del mancato pagamento delle rate scadute a luglio e a settembre 2018 potranno accedere ai vantaggi della rottamazione ter versando le rate scadute entro il 7 dicembre 2018. Alla stessa scadenza è prorogata anche la rata da pagare entro il 31 ottobre.

PRESENTAZIONE DELA DOMANDA

La domanda per aderire alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali si presenta entro il 30 aprile 2019. La domanda di rottamazione produce la sospensione dei termini di prescrizione e decadenza, lo stop a procedure esecutive o blocchi amministrativi, la sospensione dei termini di pagamento di eventuali rateazioni in corso. In quest’ultimo caso, la sospensione è valida fino alla scadenza della prima o unica rata, e prosegue solo se il debitore procede effettivamente con i versamenti dovuti in base al piano di rottamazione ter. Per quanto riguarda fermi amministrativi e ipoteche, non possono esserne iscritti di nuovi, mentre proseguono quelli già iscritti alla data di presentazione. Le eventuali procedure esecutive già avviate, invece, non possono essere proseguite, a meno che non si sia tenuto il primo incanto con esito positivo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *